AUSTRALIA: DOVE I SOGNI PRENDONO VITA

10,60

Sinossi:

Dopo aver passato un periodo piuttosto difficile in Italia, un paese che pare incapace di offrire una qualsivoglia prospettiva ai giovani, e un successivo viaggio in Africa, volto anche a mettere a fuoco quale piega dovesse prendere la propria vita, Antonio decide di volare in Australia.  Questo libro racconta i primi ostacoli che il protagonista ha dovuto superare in questo enorme continente e offre tutta una serie di informazioni su come trovare lavoro e quali passi fare per vivere in Australia attraverso il “working holiday visa”.  Sono poi descritte le vicissitudini e gli incontri che hanno radicalmente cambiato il modo di vivere e di viaggiare di Antonio che, dopo alcuni mesi di lavoro a Sydney, è riuscito a comprare un van che è diventato in breve non solo il suo fedele compagno di scorribande, ma anche la sua casa viaggiante e il mezzo che gli ha consentito di percorrere in lungo e in largo la terra dei canguri. Tante le esperienze che Antonio ha vissuto e che racconta senza tralasciare quei dettagli che possono risultare utili a chiunque voglia fare qualcosa di simile. Sono innumerevoli poi le considerazioni su come una vita possa cambiare attraverso le esperienze e le difficoltà incontrate in un paese tanto diverso ma che diventano allo stesso tempo il grimaldello capace di aprire la mente verso orizzonti sconosciuti. Dopo vari mesi di lavoro nelle fattorie, pratica necessaria per ottenere l’estensione del visto e quindi la permanenza in Australia, ecco il lungo ed estenuante viaggio verso il deserto rosso, la descrizione delle emozioni, delle difficoltà, della fatica mista a gioia, la fine di un lungo cammino, l’inizio di uno nuovo.

L’autore:
Antonio Di guida nasce a Empoli, classe 1991, una Laurea in Design. Gestisce il sito italianbackpacker e la relativa pagina Facebook, dove pubblica i suoi racconti di viaggio e le foto scattate in giro per il mondo. Verso la fine del suo percorso universitario, decide di partire zaino in spalla verso l’Africa: da allora non si è più fermato girando in solitaria gran parte del mondo, realizzando meravigliose avventure.

Categoria:

Descrizione

Ho 27 anni di cui gli ultimi 5 passati vivendo intorno al nostro globo. Penso agli anni rinchiuso dentro la mia città nativa, passati realizzando un cammino comune e certo; inseguendo un amore, l’università, tanti beni materiali e poche emozioni, sotto un’unica religione e un’unica bandiera. Un’adolescenza passata a rincorrere una moda e un foglio di carta in cui veniva attestato mediante un numero le mie doti, a seguire quello che doveva essere giusto per la società in cui vivevo, avevo l’ansia tutte le notti e la nascondevo, soprattutto a me stesso. Ad oggi, non avrei mai immaginato di poter espandere la mia mente ed il mio cuore cosi tanto lontano grazie ad una vita in viaggio,  di apprendere cose che all’interno di quella “bolla” niente e nessuno avrebbero potuto spiegarmi; gli incontri, le emozioni, le culture vissute in pieno ed entrate dentro di me, le esperienze, difficili da superare ma alla fine piene di accrescimento personale, hanno e continuano a realizzare un cammino differente dal prototipo di colui che vive in una vita sicura. La vita è meravigliosa se vissuta tenendo conto che l’unico tuo tesoro è il tempo e la salute, ogni minuto passato a provare delle sensazioni negative è un dolore che faresti solo a te stesso, ogni minuto passato pensando a qualcosa che è già successa è un minuto perso a vivere il proprio presente.

L’accontentarsi porta quasi alla morte,non c’è uomo più morto di colui che non ha più desideri. La paura non deve essere quella di non avere niente in mano, ma di non riuscire a vedere niente nelle proprie mani. Abbiamo tutto quello che ci occorre per vivere una vita serena. Viaggiando ho appreso che rinchiudersi in un solo ideale, in una sola religione e in una sola cultura è come avere dei paraocchi da cavallo, a volte si ha paura di sapere la realtà delle cose, ci accontentiamo di quello che ci dicono senza lottare nel scoprire la vera risposta o forse abbiamo solo paura di scoprirla e combatterla. Ho appreso che l’essere umano si evolve mediante la natura che lo circonda; dobbiamo immergerci in ogni parte del mondo per poter capire che ovunque tu sia nato,  dall’altra parte del mondo c’è un tuo fratello, identico a te, ma con un accrescimento differente e che può insegnarci molto. L’essere umano si evolve condividendo i segreti nascosti fra le proprie culture, nate in ogni parte del nostro globo e non puntando il dico o facendo guerra a colui che è “diverso”.

Dopo il viaggio in Africa nel 2013 ero partito per l’Australia inseguendo un sogno, oltre ad averlo realizzato ho avuto un radicale cambiamento nel modo di vivere. La cosa assurda è che non stavo cercando questo cambiamento ma un insieme di esperienze vissute hanno mutato da esperienza di lavoro all’estero alla ricerca di una felicità fondata su sé stessi. 

 

Ero atterrato in Australia e non conoscevo nessuno, il mio inglese era pessimo e non avevo soldi, ma avevo tanta fame.Volevo cambiare la mia vita, poter dare una svolta dopo aver avuto in Italia troppe delusioni, specialmente dalle persone. Ricordo i primi giorni che ero atterrato, non sapevo dove sbattere la testa, ho passato le pene dell’inferno ma con la giusta grinta sono riuscito a trovare un lavoro, poi mi sono accorto che il lavoro mi stava trasformando in una macchina che produceva soldi e non esperienze di vita. La mia mente e il mio spirito erano ferme allo stesso livello di quando avevo iniziato a lavorare, il corpo faceva tutto il resto. Cresceva in me la paura di passare la vita ad inseguire una carriera e un arricchimento fondato su beni materialiIl nostro futuro sarà caratterizzato da una condivisione virtuale, fondata sui propri beni e sull’apparire agli altri, che necessariamente falsificherà la vera essenza di un’anima. Stiamo tutti affogando in un oceano tossico e il dramma è che non ce ne accorgiamo, o forse non vogliamo accorgercene. 
In questo cammino ho appreso che la mia vita non deve essere telecomandata da un orologio, che deve avere una felicità al di fuori di ogni bene materiale, di camminare in ogni angolo di questo mondo crescendo sulle orme di tutte le culture che vivono nel nostro pianeta. Distinguersi da un branco soggiogato dalle religioni e preoccupato solo di accumulare ricchezze o visibilità.  Questo libro è il continuo di un cammino, il seguito di un viaggio in Africa e il precedente di uno verso l’Asia, un punto di mezzo.

Un libro che è allo stesso tempo un aiuto a tutte le persone che vorrebbero realizzare un’esperienza in Australia con il working holiday visa.

Tanti consigli, contatti, luoghi per lavorare, i primi passi, c’è tutto.

-Fotoracconto dei momenti vissuti in Australia e raccontati nel libro-

Il libro inizia inseguendo un sogno…

Se queste fotografie ti hanno suscitato interesse ordina il libro e leggi il racconto, ti catapulterai in un viaggio senza ritorno, pieno di avventure, incontri e vite da scoprire.

 

Ogni libro acquistato sarà per me una manciata di riso in più per questo viaggio. Comprando e leggendo il mio libro è come se in qualche modo mi inviti a cena, perché nello stesso momento io sarò qui in sud America a procurarmi il cibo e continuare questo viaggio grazie alle vendite del libro e grazie al tuo sostegno. Il mio budget per il cibo è di 3 euro al giorno.  Il libro costa 10 euro, tolte 4 euro di spese rimangono 6 euro, comprando il libro potrai sostenere il mio viaggio per 2 giorni!

 

Se vuoi aiutarmi in questo cammino, visita la pagina delle donazioni!

 

Informazioni aggiuntive

Peso 07 kg
Dimensioni 15 x 21 cm