Menu
STORIE DI NOMADI CHE POSSONO ISPIRARTI

RIMASTA SOLA HA ESAUDITO IL SOGNO DEL FIGLIO: VIAGGIARE IN BICI VERSO I PINGUINI DELLA PATAGONIA

La prima volta che ho sentito parlare di questa meravigliosa coppia è stato in casa di un ciclista in Ecuador, ero affascinato nel sentire una madre che andava in bicicletta con suo figlio e mi sarebbe piaciuto che l’Italia conoscesse la loro storia.

Una madre di nome Tania Hope, Messicana, che a 25 anni è rimasta sola mentre era incinta. Diventata la madre di un meraviglioso bambino che ha voluto chiamare Toti. Una vita alquanto frenetica, inventava sempre qualcosa da fare per “racimolare qualche soldo” per crescere con le proprie forze suo figlio.

Giovane e con tanti sogni messi in un cassetto per stare dietro a Toti. Lavorava attraverso l’arte ma poi, ha dovuto rinunciare a questa passione perché le vendite erano incerte e aveva bisogno di più stabilità finanziaria. Ecco che è arrivata la svolta nell’iniziare un lavoro grazie al quale aveva più libertà, ma soprattutto le avrebbe permesso di passare più tempo con suo figlio Toti: lavorare nel campo del tatuaggio.

Il tatuaggio le ha dato la possibilità di impostare i suoi programmi per lavorare solo quando Toti era a scuola e il resto del tempo dedicarlo a lui. A poco a poco ha iniziato a lavorare di più e ha iniziato ad avere appuntamenti anche nel pomeriggio.

Mentre mi parla, confessa che in quel periodo aveva il cuore spezzato.

Da un lato ero molto felice perché avevo bisogno di soldi, ma dall’altro Toti ha iniziato a passare troppe ore sul cellulare. Mi ha spezzato il cuore vedere la sua vita come figlio unico dentro una città come Città del Messico, senza la possibilità di giocare per strada a causa dell’insicurezza e senza coetanei della sua età. Mi faceva male sapere che stava perdendo la sua infanzia dietro uno schermo, e sicuramente questo non lo volevo per lui.”

All’età di 9 anni, Toti le confidò un sogno…

“Toti mi ha chiesto di portarlo a vedere i pinguini in Patagonia (ama tutti gli animali), gli promisi che se finiva nei migliori dei modi la scuola, ce lo avrei portato.”

E intanto, mentre mi riferisce questo momento, immagino nella mia mente la scena di una madre che darebbe tutta la sua vita pur di far felice il proprio figlio.

Poi la svolta. In quei 3 anni hanno scoperto il viaggio in bicicletta e hanno deciso che sarebbe stato il modo ideale per realizzare il sogno di Toti. Volevano vedere molti posti lungo la strada e questo li ha motivati a pianificare un ottimo percorso.

“Oltre a conoscere il mondo, per me è stata l’occasione migliore per insegnargli i valori della vita, che credo si stiano perdendo. Da un lato, siamo in un momento in cui vogliamo tutto veloce e senza sforzo e crediamo che se non è facile è impossibile.”

“Volevo insegnare a Toti che se sogna qualcosa, anche se sembra folle, se si sforza può raggiungerlo. Volevo mostrargli la bellezza del mondo e della sua gente, in modo che quando tornasse potesse contagiare i suoi amici con quella gioia. E non meno importante, per me era come dire addio ai momenti monotoni della sua infanzia e tramutarli con qualcosa che sarebbe rimasto nei nostri cuori per il resto della nostra vita. È stata la mia occasione per mostrargli cos’è la vita in tutto lo splendore della parola, partire è stata la sua introduzione alla vita.”

L’idea di fare il viaggio in bicicletta è stata di Toti, perché è ciò che gli piace di più fare insieme. Da quando è nato, la bicicletta è diventata il loro unico mezzo di trasporto. Quando Toti aveva 10 anni, hanno avuto degli amici argentini che viaggiarono dal Messico a Buenos Aires in bici e gli mostrarono che i confini potevano essere attraversati in questo modo meraviglioso. Sapevano che non sarebbe stato facile, ma il loro piano era di farlo lentamente per godersi ogni chilometro.

È proprio così, io stesso amo il viaggio in bicicletta e soprattutto in maniera molto lenta, amo immergermi nei meravigliosi momenti che si creano fra la natura e il mio corpo. Ne parlo proprio nel mio libro: L’Iran in bicicletta.

Il vantaggio di Tania e Toti è stato quello di viaggiare senza una data di ritorno e con tutto il materiale per poter tatuare e quindi lavorare in viaggio.

Hanno lasciato Città del Messico il 25 novembre 2018.

“Il viaggio è iniziato con la speranza di realizzare il sogno di Toti, conoscere i pinguini. Mentre avanzavamo sulla strada, i pinguini smisero improvvisamente di essere il motore principale. Giorno dopo giorno, questa esperienza ci stava donando tante cose e tanti apprendimenti. Il viaggio ha superato di gran lunga le nostre aspettative. Sono stati momenti incredibili che ci hanno mostrato una forza interiore che non sapevamo di avere. Ovviamente ci ha avvicinati come madre e figlio perché ci ha messo alla prova in molte situazioni e affrontarle insieme, ci ha reso una squadra. Toti è maturato in modo impressionante e ha potuto verificare che vive su un pianeta straordinario, pieno di persone meravigliose. Per me questo è ciò che ha reso il viaggio un viaggio perfetto.”

Come racconto nel mio libro, il lato economico per un viaggio in bicicletta è molto ridotto.

Tania sostiene che la questione economica è sempre stata un pretesto per tutti nel NON realizzare i sogni. Nel suo caso personale, il denaro era un problema, dal momento che ha sempre vissuto alla giornata.

Ha pensato che un viaggio del genere avrebbe richiesto un sacco di soldi. Ma si sbagliava. Ha iniziato il viaggio con 1000 dollari portandosi dietro il materiale per tatuare e per avere l’opzione di lavorare se fosse stato necessario. Fortunatamente, è stata una grande idea e ha avuto la possibilità di lavorare molto nel cammino.

Hanno anche realizzato delle cartoline con alcune foto scattate da Toti (che vuole fare il fotografo) e anche quelle sono sempre state vendute bene. Un’altra forma di mantenersi in viaggio. E anche questo è un argomento che tratto nel mio terzo libro dove racconto un viaggio attraverso l’Australia e il lavoro all’estero.

Tania ha fatto un calcolo di ciò che hanno speso ed è stato più o meno $ 9 (per entrambi) al giorno.

“Il viaggio ci ha insegnato che puoi vivere con poco ed essere felice. Abbiamo usato i soldi solo per mangiare e molte volte siamo stati fortunati a trovare persone meravigliose che ci hanno invitato con un piatto di cibo.”

Un’altra curiosità era come poteva essere gestito l’insegnamento di Toti, visto che non si trova in un posto fisso e non può andare a scuola.

“Per quanto riguarda la scuola di Toti: ci è venuta l’idea di fare scuola a casa, ma rendendoci conto che dopo aver pedalato 8 ore al giorno, sistemato la tenda e preparato la cena eravamo esausti. Così abbiamo deciso di passare al piano B. In Messico c’è la possibilità di fare 3 anni (di scuola secondaria) in 1. È un’opzione che richiede molta disciplina, ma Toti ama la scuola e ha preferito lavorare un anno intero ed essere in grado di godersi il suo viaggio in maniera più libera. Inoltre, man mano che avanzavamo, mi sono resa conto che il viaggio gli stava dando molto più apprendimento di qualsiasi scuola. “

“Ha imparato geografia, i fiumi, i laghi e le catene montuose. Ha imparato climi e stagioni, lingue indigene e internazionali, matematica e cambio di valuta. Ma quello che ha imparato di più è stata la compagnia, il lavoro di squadra, il valore delle cose più semplici come dormire in un letto, una doccia calda o un piatto di cibo.”

“Ha imparato che puoi vivere con pochissimo e nello stesso tempo avere tutto, ha imparato l’importanza di prendersi cura del pianeta che è la nostra casa e ci dà tutto ciò di cui abbiamo bisogno per vivere, ha capito che quelli che hanno il minimo sono quelli che danno di più perché sanno cosa significa non avere niente e perché sanno che se tu dai, l’universo lo restituisce. Dalla scuola realizzata in viaggio, ha imparato a vivere una vita migliore.”

Viaggiare in bicicletta porta ad affrontare molte sfide, più sono difficili e più sarà grande la gioia nel superarle.

“La verità è che abbiamo affrontato molte sfide: pedaliamo su tutti i tipi di strade, alcuni tratti in montagna, molti sono sterrati e alcuni persino con sabbia. A un certo punto siamo arrivati ​​a pedalare a 4.750 metri sul livello del mare dove era difficile respirare. Abbiamo affrontato tutti i climi. Da fonti di calore di 40 ° C a temperature sotto lo zero. Ma la più grande difficoltà che abbiamo avuto non è stata nessuna di quelle che ho menzionato. La parte più difficile è stata che la mia bici si è rotta molto spesso. E questo ci ha fatto superare molti test. Il più difficile è stato quando la mia bici si è rotta nel mezzo di un parco nazionale poco visitato nel nord del Cile e abbiamo dovuto percorrere 200 chilometri (10 giorni) fino a quando la mia bici non è stata finalmente riparata.

(Questo parco l’ho attraversato anche io in bici, puoi vedere le mie foto su Instagram).

Essendo un viaggiatore che ama i viaggi in solitaria, Tania mi ha fatto riflettere su alcuni aspetti di viaggiare in coppia, soprattutto in una situazione di difficoltà come questa che hanno vissuto.

“Come squadra è stato un test molto forte, siamo sempre stati insieme e ci siamo supportati a vicenda emotivamente. Il fatto di non essere soli e soprattutto con il giusto compagno di viaggio, in quei momenti ci ha fatto apprezzare l’importanza di essere uniti. Inoltre, viaggiare insieme lo ha reso molto più divertente. Come si dice: la felicità è maggiore quando è condivisa!”

Tania e Toti sono arrivati alla meta finale, ad Ushuaia ma soprattutto nel luogo in cui il sogno di Toti era pronto per farsi abbracciare. Tania col nodo alla gola mi riferisce che arrivare a Ushuaia è stata una delle esperienze più intense che ha vissuto in tutta la sua vita.

“Tutte le sensazioni sono passate attraverso di me. Da un lato, l’eccitazione di realizzare il sogno di mio figlio … un progetto iniziato a 9 anni e finito a 14 anni … 480 giorni pedalando con un sogno. I nostri corpi ci hanno sostenuto fino alla fine. Nessuno ha mai creduto in noi, è stato un grande traguardo raggiunto con le sole nostre forze. È molto difficile dirlo a parole perché ad Ushuaia abbiamo sentito la felicità assoluta, l’emozione è stata così grande che abbiamo iniziato a piangere di gioia.” 

Ma sebbene la felicità abbia inondato tutto il loro essere, una parte di loro era anche triste per il fatto che tutta quella magia era finita. Le avventure erano finite, dormendo in un posto diverso in ogni luogo, vedendo paesaggi inimmaginabili ogni chilometro, respirare aria fresca e incontrare persone meravigliose.

È stato un momento molto magico in cui hanno deciso di continuare a viaggiare in bicicletta ogni volta ci fosse stata la possibilità. Fortunatamente il pianeta è molto grande e c’è molto da scoprire con le loro biciclette! Quindi presto torneranno in viaggio!

Casa è quel luogo felice e complesso che vive dentro di noi…

Antonio Di guida

Tania, cosa consiglieresti ad una mamma oggi? Soprattutto, che consiglio puoi dare a chi vuole fare un viaggio simile al vostro?

“Innanzitutto suggerisco di non avere paura. Sono la prova vivente che realizzare un viaggio del genere può essere fatto nonostante la mia età (io ho 40 anni e Toti 12). Non eravamo ciclisti, non conoscevamo il campeggio o la fauna selvatica…se vuoi, puoi! Non ci sono scuse! Rimarrai stupito dalla magia del viaggio. Lascia che i tuoi figli diventino il tuo motore e non il freno per realizzare qualsiasi sogno! È estremamente importante (e ancor di più in questi tempi) regalare momenti meravigliosi ai nostri figli. Quei pochi minuti, ore, giorni o mesi valgono più di qualsiasi altro materiale esistente su questa terra. E loro ti ringrazieranno per sempre! Durante il viaggio ho imparato che le esperienze sono le uniche cose che rimangono nella nostra memoria fino alla fine dei nostri giorni, quindi devi investire in esperienze più che in qualsiasi altra cosa, soprattutto materiale.”

Il Messico dall’Italia è una terra molto affascinante ma anche pericolosa, attraverso i media si ha quasi paura, ma quando si incontra un messicano, o meglio nei miei casi, è sempre un incontro meraviglioso, pieno di vita. Parlaci del Messico e della tua cultura.

“Il Messico è un bellissimo paese di grande ricchezza culturale, abbiamo molte tradizioni e una delle più varie gastronomie al mondo. Se parliamo dei suoi paesaggi, è così vasto che puoi trovare di tutto: dalle montagne alla giungla, il deserto, le foreste e le spiagge paradisiache. Ma per me, ciò che caratterizza maggiormente il Messico è la sua gente. Le persone con un grande cuore che ti fanno sempre sentire come se fossi a casa. Sfortunatamente, come in molti altri paesi dell’America Latina, soffriamo di molti problemi sociali. La disuguaglianza e la quantità di povertà nel paese generano insicurezza, violenza, corruzione e traffico di droga. Non ho intenzione di negare tutta quella parte sfortunata del mio paese, perché esiste. Ma nei miei 40 anni, non ho mai avuto una brutta esperienza. E quando chiedi ai turisti che vengono a visitare la nostra terra, sono sempre felici e vogliono tornarci. Quindi penso che come in ogni parte del mondo, ci sono più buoni che cattivi (solo che nei media danno troppa promozione al negativo).”

Ultima curiosità, vi piacerebbe viaggiare in Italia? Cosa vi affascina del nostro paese?

“Il nostro prossimo viaggio sarà in Europa, è stato qualcosa che abbiamo deciso sulla strada, vogliamo davvero pedalare in molte altre terre.”

“E proprio l’Italia è uno dei luoghi che più ci attira per molte ragioni: il primo e non meno importante, Il cibo! Toti è un fan del mangiare e il cibo italiano è uno dei suoi preferiti! Da parte mia sono un amante dell’arte, quindi mi piacerebbe davvero ammirare i suoi dipinti e sculture, la sua architettura, le sue piazze e i suoi monumenti antichi. Un’altra cosa che amo è la lingua, mi sembra una delle più belle del mondo! E infine e soprattutto, le persone italiane meravigliose, sempre così allegre e vivaci!”

Puoi seguire  Tania e Toti su Instagram e Facebook!

Se pensi di poterli aiutare nel loro viaggio attraverso l’Italia mettiti in contatto con loro!

CIAO! Benvenuto nel mio Blog

Mi chiamo Antonio Di Guida e sono un nomade

Seguimi su FacebookInstagram

Scrivo libri per spingere le persone a viaggiare e riprendere in mano la propria libertà. Se sei fra questi oppure curioso di conoscere un alternativa alla vita “normale”, allora i miei libri potrebbero interessarti

{"cart_token":"","hash":"","cart_data":""}