Hridaya yoga community: Il tempio dove intraprendere un cammino spirituale-conoscere il proprio io

“L’atomo divino del Sé si trova nella camera destra del cuore, a una distanza di circa un dito dalla linea mediana del corpo. “Qui giace il cuore, il dinamico cuore spirituale. Si chiama hridaya, si trova sul lato destro del petto ed è chiaramente visibile all’occhio interiore di un adepto del Sentiero Spirituale. Attraverso la meditazione puoi imparare a trovare il Sé nella caverna di questo Cuore. “

Ramana Maharshi

 

Esiste un posto, un gruppo di persone, un movimento spirituale capace di far conoscere il proprio sé, attraverso i due modi più antichi al mondo, lo yoga e la meditazione. Un luogo dove è possibile rigenerare il proprio corpo, purificare anima, mente e corpo. Un luogo dove oltre a conoscere sé stessi si studia la filosofia di anime spirituali collegate a diverse religioni, comprendendo il fatto che l’unica vera religione è dentro sé stessi e ha come obbiettivo di Trattare la radianza del cuore come unica autorità, condividendo in pieno l’amore per sé stessi e per gli altri.

Ci troviamo alcune volte nella nostra vita a domandarci cosa è reale e irreale, perché siamo venuti al mondo e per quale motivo esistiamo ora e in questo momento, ma soprattutto cosa ci sarà dopo la morte, unica e grande preoccupazione per ogni essere. Sta di fatto che non c’è assolutamente niente d’aver paura se non quella di vivere il presente, pieno di colori, di sentimenti e emozioni , di non aver paura di morire ma aver paura di non vivere in pieno la nostra giornata. C’è un enorme mondo dentro di noi, un mondo pieno di sentimenti, di emozioni e di energie che nel momento in cui riusciamo a trovarle, diventano sempre più fondamentali per noi stessi, esplorarle e manovrarle a nostro gusto, senza alcun tipo di manifestazione esterna.

Il nostro cuore è considerato la sede dei sentimenti, dell’attività psichica. Ma questa è solo una dimensione relativa e individuale del Cuore. Il mondo delle emozioni individuali, l’anima umana, deve essere superato attraverso il distacco per rivelare il vero significato universale del Cuore. Così,L’Atman , il Cuore Spirituale, non ha dimensioni fisiche o mentali in quanto tali e non si esprime se non come un semplice tremore trasfigurante. Ma come dicono gli yogi, senza dubbio Dio esiste e Lui solo è reale.

COSA È HRIDAYA YOGA

è uno stile di yoga che propone di intraprendere un cammino spirituale, il cui proposito è la rivelazione della vera essenza del sé, chiamato in sanscrito Atman(“essenza”, “soffio vitale”) o Hridaya (“cuore spirituale”).
Si basa sugli insegnamenti derivati dallo Yoga sutra di Patanjali  dall’Advaita Vedanta, dal Tantra, dallo Shivaismo del Kashmir e da diverse tradizioni spirituali orientali ed occidentali. Questa scuola è quindi saldamente legata alla tradizione e utilizza tutti gli strumenti classici dello yoga.

Il metodo di insegnamento Hridaya consiste in lezioni di Hatha Yoga, in cui le asana vengono praticate a occhi chiusi e mantenute a lungo; in questo modo l’allievo raggiunge uno stato di interiorizzazione profondo.
Le asana, il pranayama e l’interiorizzazione conducono naturalmente al cuore della pratica Hridaya: la meditazione.

 

(Per approfondire questa pratica vengono organizzati ritiri silenziosi di meditazione, che possono durare da tre fino a 49 giorni.) Nei nostri tempi, la connessione tra la nostra intelligenza intuitiva superiore e il Cuore è stata per lo più dimenticata. Anche se accettiamo generalmente l’idea dell’esistenza di un cuore spirituale, tendiamo ad accettarlo simbolicamente. Hridaya Yoga e Hridaya Silent Meditation Retreat partono dalla premessa che le idee tradizionali sul cuore spirituale possono e devono essere applicate in modi molto concreti e pratici. Il Cuore, visto come un organo di conoscenza diretta, può e deve essere allenato costantemente per aumentare la sua purezza e capacità di amare, testimoniare, arrendersi …. In questo modo, i confini dell’individualità svaniscono, e attraverso il riconoscimento del suo attributo fondamentale come una porta verso l’infinito, il Sé Supremo, l’ atman , viene rivelato.

Hridaya: Il cuore spirituale non è Anahata Chakra

Secondo la tradizione tantrica, l’anahata chakra, il chakra del cuore, è solo un livello o una dimensione del nostro essere e dell’intera manifestazione. Il cuore spirituale è più di questo. Hridaya: Il cuore spirituale non è solo una scintilla di Dio; il cuore spirituale è Dio

La relazione tra atman e Brahman è uno di unità.Jnana yogi era solito esprimere questa visione paradossale dicendo che Atman (il cuore spirituale) e Brahman (l’assoluto) sono una cosa sola. “Questo Atman è Brahman “, altrimenti noto come “Ayamatma”Brahma “è uno dei quattro Mahavakya o grandi affermazioni (potremmo dire suggerimenti o idee potenti) delle tradizioni Vediche e Upanishadiche. La chiave per comprendere la natura dell’Unità Essenziale dell’Universo è vedere il nostro Cuore – il nostro eterno, eterno Sé – identico a Brahman. Un altro mahavakya appare in ChandogyaUpanishad :“Tat tvam asi” , che traduce che The Ultimate Reality, Brahman, è ciò che sei. Quindi il cuore spirituale non è solo un riflesso di tutto. È la Coscienza Suprema, l’essenza di tutto, lo sfondo dell’esistenza.

Il Tutto, Unità, è completamente noi. Nella meditazione per la Rivelazione del Cuore Spirituale, tutti stiamo rivelando lo stesso Cuore, lo stesso Sé Divino, la stessa Realtà Ultima. Il cuore dell’uomo e il cuore del mondo sono un singolo cuore.

Questo è il nostro approccio nello Yoga del Cuore Spirituale, nei nostri ritiri e laboratori. Cerchiamo di dare l’ispirazione per l’abbandono nel Cuore, nella Realtà Suprema, in Dio (ma Dio si è sentito al di là di ogni concetto e confessione religiosa). In questo modo realizziamo la nostra identità con il Tutto, con la totalità della Vita.

Chi e’ il fondatore?

La scuola è stata fondata da Sahajananda, insegnante con oltre 30 anni di esperienza, che ha deciso di mettere assieme tutte le sue conoscenze per passarle ad altri. Inizialmente Sahajananda è stato un insegnante tantrico ma, dopo lunghi ritiri solitari in grotta, si è convertito alla filosofia e pratica della Advaita (“non dualità”). Ha cominciato come allievo nel 1981, anno in cui lo yoga è stato bandito dal suo paese, la Romania; questo fatto ha accresciuto la sua determinazione, aspirazione e profondità per la ricerca spirituale attraverso la pratica.

La metafisica di Hridaya Yoga

La visione di Hridaya Yoga poggia i suoi insegnamenti sulla filosofia dell’Advaita Vedanta(la filosofia della non dualità), che insegna l’essenziale unità di tutta la creazione. Tutto ciò che esiste nell’universo è manifestazione della Coscienza Suprema che si rivela in ogni individuo come Atman, il Cuore Spirituale. Questa è la reale fonte di libertà, spontaneità e profonda beatitudine di ogni essere. Hridaya Yoga si prefigge quindi come obbiettivo di far capire e sperimentare attraverso la pratica allo studente questa fondamentale unità. In Hridaya si consiglia di comprendere intellettualmente il concetto di visione, praticare incessantemente fino a che lo studente non abbia una esperienza diretta della Realtà Ultima (detto stato di Samadhi, Nirvana o Perfezione).
Raggiungere questo stato significa arrivare ad una condizione personale di totale apertura e non reattività (la famosa “Via di Mezzo” del Buddha). Questa attitudine non deve portare alla passività, al fatalismo, o all’inerzia, anzi…. Lasciare da parte i dogmi, le idee preconcette e le aspettative richiede grande forza!

In questo ritiro l’oggetto della meditazione non è il respiro o le sensazioni corporee, i sentimenti o la mente come in altri ritiri, ma piuttosto il Cuore Spirituale, l’Atman, il Sé Divino. Tuttavia, mentre la meditazione va profondamente, il Cuore Spirituale cesserà di essere semplicemente un oggetto di meditazione. Diventeremo consapevoli che è anche il Soggetto, la coscienza testimone, il Sé molto profondo e intimo, la vera fonte del nostro processo di meditazione. Quindi capiremo che il cuore spirituale è molto più che un oggetto di concentrazione o di meditazione.

Questo ci aiuterà a conoscere direttamente un altro approccio alla meditazione e alla spiritualità. Il cuore diventerà allo stesso tempo fonte di attenzione (il conoscitore), lo strumento della conoscenza e l’oggetto della conoscenza. Questo tipo di meditazione è un processo che parte dal cuore e ritorna al cuore.

Scuole hridaya nel Mondo

La sede principale della scuola è a Mazunte, in Messico. Qui vengono tenuti ritiri di meditazione e silenzio, corsi mensili di Hatha yoga e seminari su argomenti specifici sia in inglese che in spagnolo. Se vuoi provare a meditare con il metodo Hridaya, puoi controllare gli eventi internazionali dal sito per scoprire quale è il prossimo ritiro di meditazione con Sahajandanda più vicino a te.

Attualmente non sono presenti scuole Hridaya Yoga in Italia, ma c’è una meravigliosa notizia, Da Giugno 2018 Hridaya ha aperto anche una sede europea nel castello di Longeval, nella zona di Lione, in Francia. Al momento in questa bellissima località, situata nelle Alpi francesi, si svolgono lezioni di hatha  yoga e seminari. Per partecipare potete contattare direttamente la scuola.

FOTO CASTELLO LONGEVAL-HRIDAYA COMMUNTY

FOTO DEL MIO GRUPPO DI RITIRO SPIRITUALE- MESSICO 2018